vai al contenuto principale

La fascia, il dolore e lo yoga – II parte

La fascia, il dolore e lo yoga - II parte

Il nostro sistema nervoso si manifesta nella fascia attraverso la presenza di recettori sensoriali. La fascia è ricca di recettori sensoriali chiamati propriocettori, che comunicano con il sistema nervoso per fornire informazioni sul movimento, sulla posizione del corpo nello spazio e sulla tensione muscolare. Questi propriocettori nella fascia contribuiscono alla percezione del movimento e al controllo muscolare, aiutando a mantenere l’equilibrio e la coordinazione.

Inoltre, il sistema nervoso può influenzare la fascia regolando la sua tensione ed elasticità in risposta a fattori come lo stress, l’attività fisica e le emozioni, e da qui il dolore. Pertanto, c’è una stretta connessione tra il sistema nervoso e la fascia, che lavorano insieme per mantenere la salute e il benessere del corpo.

La fascia è considerata il nostro organo di senso, una matrice vivente diffusa in tutto il corpo che ci aiuta a influenzare e regolare la flessibilità del nostro sistema nervoso. Apprendendo in modo consapevole come il lavoro sulla fascia si intersechi con la scienza polivagale (link https://www.istitutobeck.com/corsi/wired-to-connect), possiamo promuovere una maggiore consapevolezza di noi stessi, coltivare self compassion e incoraggiarci a procedere verso la guarigione.

Dal momento che lo yoga ci aiuta ad affrontare e rilasciare in modo dinamico “il non detto nei nostri tessuti”, apprendiamo e miglioriamo progressivamente il nostro tono vagale, consentendoci di affrontare giorno dopo giorno e anno dopo anno le sfide della vita con maggiore apertura, sicurezza e flessibilità.

Riferimenti

  • Schwartz, A. (2022). Therapeutic Yoga for Trauma Recovery. PESI Publishing Company

Autore/i dell'articolo

Dott.ssa Antonella Montano

Dott.ssa Antonella Montano

  • Fondatrice e Presidente della Onlus Il Vaso di Pandora, la Speranza dopo il Trauma.
  • Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale
  • Fondatrice e Direttrice dell’Istituto A.T. Beck per la terapia cognitivo-comportamentale di Roma e Caserta
  • Fondatrice e Vicepresidente CBT-Italia – Società Italiana di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale
  • Certified Trainer/Consultant/Speaker/Supervisor dell’ACT (Academy of Cognitive Therapy)
  • MBSR teacher. Expert Yoga Trauma teacher certificata Yoga Alliance®-Italia/International
  • Membro dell’IACP (International Association of Cognitive Psychotherapy)
  • Membro dell’ESTD (European Society for Trauma and Dissociation)

Dott.ssa Roberta Borzì

Dott.ssa Roberta Borzì

  • Componente del comitato scientifico della Onlus Il Vaso di Pandora, la Speranza dopo il Trauma.
  • Psicologa, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale.
  • Vanta esperienza clinica in ambito adulto, e si occupa prevalentemente di tutti i disturbi d’ansia, disturbo ossessivo-compulsivo, problematiche sessuali, disturbi di personalità con la Schema Therapy, in cui è formata attraverso training specifici e supervisione con esperti del settore. Ha anche conseguito entrambi i livelli della formazione in EMDR.
  • Socio Fondatore CBT-Italia – Società Italiana di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale.

Torna su