vai al contenuto principale

Parassiti

Parassiti

La terza analogia che usa Paul Conti per il trauma è quella dei parassiti.

Il toxoplasma è un parassita che attraversa diversi stadi di sviluppo in ospiti differenti. Questo gli permette di vivere e riprodursi usando gli ospiti che invade e assicurandosi così la sopravvivenza.

Il trauma fa agli esseri umani quello che il toxoplasma fa ai topi. Il trauma cambia alcuni aspetti del nostro cervello che ci impediscono di vivere appieno, ci fa dimenticare il nostro valore, i nostri sogni, i nostri doni e le nostre aspirazioni. A volte il parassita del trauma è così cattivo che dimentichiamo persino il modo in cui mantenerci al sicuro.

Il trauma altera i nostri cervelli in modi che non sono diversi da quelli in cui il toxoplasma rende i topi meno consapevoli dei pericoli evidenti dei gatti. Invece che prestare attenzione ai segnali di pericolo negli altri, le vittime di trauma spesso si concentrano sul cambiare loro stesse, sul comportarsi meglio o sull’essere migliori. Questo pensiero non fa altro che alimentare il senso di vergogna, di autocritica. L’idea che una nuova relazione possa essere finalmente sana spesso porta la vittima di abusi a ignorare o squalificare i segnali di pericolo che, invece, sono evidenti come un’insegna al neon.

Come il toxoplasma, il trauma fa quello che può per sopravvivere. Il toxoplasma si è evoluto per creare sempre più toxoplasmi, non importa quali. Allo stesso modo il trauma produce altri traumi, spostandosi da un individuo a un altro, fino a poter raggiungere tutti gli esseri viventi e al pianeta intero. E continuerà così finchè non riusciremo a fermarlo.

Riferimenti

  • Conti, P. (2021). Trauma. The Invisible Epidemic. How trauma works and how we can heal from it. Penguin Random House

Autore/i dell'articolo

Dott.ssa Antonella Montano

Dott.ssa Antonella Montano

  • Fondatrice e Presidente della Onlus Il Vaso di Pandora, la Speranza dopo il Trauma.
  • Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale
  • Fondatrice e Direttrice dell’Istituto A.T. Beck per la terapia cognitivo-comportamentale di Roma e Caserta
  • Fondatrice e Vicepresidente CBT-Italia – Società Italiana di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale
  • Certified Trainer/Consultant/Speaker/Supervisor dell’ACT (Academy of Cognitive Therapy)
  • MBSR teacher. Expert Yoga Trauma teacher certificata Yoga Alliance®-Italia/International
  • Membro dell’IACP (International Association of Cognitive Psychotherapy)
  • Membro dell’ESTD (European Society for Trauma and Dissociation)

Dott.ssa Roberta Borzì

Dott.ssa Roberta Borzì

  • Componente del comitato scientifico della Onlus Il Vaso di Pandora, la Speranza dopo il Trauma.
  • Psicologa, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale.
  • Vanta esperienza clinica in ambito adulto, e si occupa prevalentemente di tutti i disturbi d’ansia, disturbo ossessivo-compulsivo, problematiche sessuali, disturbi di personalità con la Schema Therapy, in cui è formata attraverso training specifici e supervisione con esperti del settore. Ha anche conseguito entrambi i livelli della formazione in EMDR.
  • Socio Fondatore CBT-Italia – Società Italiana di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale.

Torna su