vai al contenuto principale

Condizioni preesistenti

  • News

Condizioni preesistenti

Proprio come i virus, l’inquinamento e i parassiti ci influenzano in modo diverso, lo stesso succede con il trauma. Il trauma si presenta in varie forme, frequenze e intensità e ci sono varie ragioni per cui alcuni di noi ne sono colpiti più di altri. Se vogliamo sconfiggere il trauma, è necessario esplorare questi fattori, comprenderli in profondità e sensibilizzare gli altri educandoli.

Molte persone sono più equipaggiate per un tipo di trauma rispetto a un altro, sono maggiormente in grado di usare l’esperienza di vita per combattere bene un nemico. Allo stesso tempo, potrebbero essere indifesi contro un altro tipo di nemico.

La nostra genetica e le nostre esperienze di vita si combinano in quello che è noto come “l’ipotesi del colpi multipli”. Questa ipotesi che vale per tutta una serie di situazioni di vita reale afferma che i nostri meccanismi di coping vengono indeboliti da esperienze traumatiche – sostanzialmente da quanti “colpi” prendiamo.

Alcune persone sono profondamente influenzate dalla loro prima esperienza traumatica, mentre altre potrebbero apparire molto resilienti al punto da essere solo leggermente colpite da gravi esperienze successive.

Coloro che sono vittime di pregiudizi legati all’orientamento/identità sessuale o razzismo sistemico, per esempio, sperimentano, nel corso della loro vita, una raffica senza fine di stressor che li rende ancora più vulnerabili al trauma.

Quando veniamo colpiti, spesso non siamo consapevoli della tipologia e della gravità di quello che abbiamo accumulato fino a quel momento, perché il trauma è spesso sotto stimato.

Riferimenti

  • Conti, P. (2021). Trauma. The Invisible Epidemic. How trauma works and how we can heal from it. Penguin Random House

Autore/i dell'articolo

Dott.ssa Antonella Montano

Dott.ssa Antonella Montano

  • Fondatrice e Presidente della Onlus Il Vaso di Pandora, la Speranza dopo il Trauma.
  • Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale
  • Fondatrice e Direttrice dell’Istituto A.T. Beck per la terapia cognitivo-comportamentale di Roma e Caserta
  • Fondatrice e Vicepresidente CBT-Italia – Società Italiana di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale
  • Certified Trainer/Consultant/Speaker/Supervisor dell’ACT (Academy of Cognitive Therapy)
  • MBSR teacher. Expert Yoga Trauma teacher certificata Yoga Alliance®-Italia/International
  • Membro dell’IACP (International Association of Cognitive Psychotherapy)
  • Membro dell’ESTD (European Society for Trauma and Dissociation)

Dott.ssa Roberta Borzì

Dott.ssa Roberta Borzì

  • Componente del comitato scientifico della Onlus Il Vaso di Pandora, la Speranza dopo il Trauma.
  • Psicologa, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale.
  • Vanta esperienza clinica in ambito adulto, e si occupa prevalentemente di tutti i disturbi d’ansia, disturbo ossessivo-compulsivo, problematiche sessuali, disturbi di personalità con la Schema Therapy, in cui è formata attraverso training specifici e supervisione con esperti del settore. Ha anche conseguito entrambi i livelli della formazione in EMDR.
  • Socio Fondatore CBT-Italia – Società Italiana di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale.

Torna su