vai al contenuto principale

Mindfulness

La Mindfulness implica un’attenzione consapevole al mondo interiore ed esteriore. Nella tradizione buddhista, la mente è considerata come un altro organo di senso. Ciascun senso ha un oggetto da rilevare. Ad esempio, il naso odora i profumi e gli occhi vedono le cose. Allo stesso modo, la mente pensa. Gli oggetti della mente includono pensieri, immagini, ricordi.

Nella Mindfulness, lavoriamo verso la nuda attenzione. Riconosciamo, dunque, nel caso della mente, i pensieri, le immagini, i ricordi, le emozioni. Nel quotidiano abbiamo la tendenza a concettualizzare velocemente quello che sta accadendo in una certa situazione. Interpretiamo, valutiamo, misuriamo, costruiamo attraverso quello che conosciamo. E in questo modo ci connettiamo con quello che accade.

Nella Mindfulness, si lavora per disinnescare la tendenza quasi automatica a interscambiare la nuda attenzione con la cognizione. Quando la mente è nella modalità mindful, dunque, non fa paragoni, giudizi, valutazioni, ragionamenti, o ruminazioni. Piuttosto, la mente è aperta e presente e osserva con la nuda attenzione quello che c’è, senza mettere in atto nessuna forma di giudizio, semplicemente notando ciò che sta accadendo.

Riferimenti

  • Cook-Cottone, C.P. (2015). Mindfulness and Yoga for Self-Regulation. Springer Publishing Company

Autore/i dell'articolo

Dott.ssa Antonella Montano

Dott.ssa Antonella Montano

  • Fondatrice e Presidente della Onlus Il Vaso di Pandora, la Speranza dopo il Trauma.
  • Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale
  • Fondatrice e Direttrice dell’Istituto A.T. Beck per la terapia cognitivo-comportamentale di Roma e Caserta
  • Fondatrice e Vicepresidente CBT-Italia – Società Italiana di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale
  • Certified Trainer/Consultant/Speaker/Supervisor dell’ACT (Academy of Cognitive Therapy)
  • MBSR teacher. Expert Yoga Trauma teacher certificata Yoga Alliance®-Italia/International
  • Membro dell’IACP (International Association of Cognitive Psychotherapy)
  • Membro dell’ESTD (European Society for Trauma and Dissociation)

Dott.ssa Roberta Borzì

Dott.ssa Roberta Borzì

  • Componente del comitato scientifico della Onlus Il Vaso di Pandora, la Speranza dopo il Trauma.
  • Psicologa, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale.
  • Vanta esperienza clinica in ambito adulto, e si occupa prevalentemente di tutti i disturbi d’ansia, disturbo ossessivo-compulsivo, problematiche sessuali, disturbi di personalità con la Schema Therapy, in cui è formata attraverso training specifici e supervisione con esperti del settore. Ha anche conseguito entrambi i livelli della formazione in EMDR.
  • Socio Fondatore CBT-Italia – Società Italiana di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale.

Torna su