vai al contenuto principale

La capsula dissociativa

  • News

La dissociazione, almeno per definizione, è caratterizzata da un unico e abbastanza chiaramente definito stato di percezione alterato, che è diverso dalla realtà. Come ogni cosa nella vita, la dissociazione ha varie intensità, che si dispongono su un continuum, da lieve a estremamente significativa.

Alla dissociazione possiamo assegnare delle caratteristiche specifiche, basate sulla sua unica alterazione in vari tipi di percezione che dipendono tutte da esperienze passate.

È utile in questo contesto introdurre la definizione, abbastanza funzionale, di capsula dissociativa. Il contenuto di una specifica capsula dissociativa consiste in ricordi di risposte automatiche, somatosensoriali ed emotive al trauma. Questi tipi di memorie implicite, chiamate appunto memorie procedurali, sono molto diversi dalla memoria esplicita, che ci permette di ricordare le cose e di riferirle in racconti ordinati, con un inizio, uno svolgimento e una conclusione. La memoria implicita o procedurale è radicalmente diversa da quella dichiarativa. È composta da un’ampia categoria di ricordi impliciti. Questi ricordi non possono essere rievocati intenzionalmente. Sono piuttosto un collage di sensazioni, emozioni e comportamenti che compaiono e scompaiono, al di là della consapevolezza conscia.

Gli stati automatici, come ad esempio fight/flight/freeze, sono associati a sensazioni cardiache e viscerali – cuore che batte, mani fredde, tremori, pressione al petto, pesantezza allo stomaco e crampi. Anche le emozioni sono associate a sensazioni fisiche, vedi il formicolio della gioia, la pesantezza della depressione, il viso che arrossisce e il peso della vergogna. Le sensazioni somatosensoriali provenienti dai muscoli, dalla pelle e dallo scheletro contribuiscono a tutti questi sentimenti in maniera circolare. Eccone altre ancora: il collo e i muscoli della schiena che si irrigidiscono, il formicolio della pelle, la pressione nella testa, anche il dolore intenso.

Infine, una capsula potrebbe contenere anche ricordi consapevoli (memoria dichiarativa) di eventi correlati a emozioni specifiche. Questi, sommati ai ricordi impliciti, potrebbero essere attivati da aspetti di una situazione attuale che evocano emozioni o sensazioni simili.

Riferimenti

  • Curran, L.A. (2010). Trauma competency. PESI
Torna su