skip to Main Content
info@ilvasodipandora.org

Complementary and Alternative Medicine (CAM) e il sistema polivagale

Gli interventi della Medicina Complementare e Alternativa (Complementary and Alternative Medicine-CAM), come lo yoga, la meditazione e il rilassamento, sono stati integrati in molti centri di salute mentale e ospedali come trattamenti di supporto per il PTSD. Funzionano regolando il sistema nervoso autonomo (SNA). Il SNA comprende i sistemi simpatico e parasimpatico. In modo ottimale, si può ripristinare l’equilibrio nel tuo corpo e nella tua mente trovando modi per calmarti quando sei ansioso e sentirti confortato dalla tua capacità di riposarti e nutrirti.

Tuttavia, con un PTSD complesso è comune reagire alle situazioni in modi che possono essere irrazionali o non basati sulla realtà. In questi momenti, sentimenti di preoccupazione, frustrazione o disperazione possono interferire con la tua capacità di prenderti cura di te stesso e con le tue relazioni sane. Sentimenti di abbandono, di ansia, di esaurimento possono prendere il sopravvento quando non hai gli strumenti per rimanere calmo e mindful.

Adesso diamo un’occhiata più da vicino all’aspetto scientifico di questa spirale verso il basso.

Il nervo vago gioca un ruolo centrale nella regolazione del SNA poiché connette il cervello al sistema digestivo, al cuore, ai polmoni, alla gola e ai muscoli facciali. Il Dr. Stephen Porges ha messo a punto la teoria polivagale  secondo cui il sistema nervoso riflette uno sviluppo progressivo con tre stadi evolutivi.

 

  • Quando sperimenti un evento stressante, il tuo SNA risponde con la mobilizzazione del sistema nervoso simpatico che avvia la reazione fight-or-flight (https://www.ilvasodipandora.org/connettersi-con-il-proprio-corpo/). Questo processo ha la finalità di proteggerti e aiutarti a ripristinare la sicurezza
  • Se non riesci a risolvere la situazione stressante o stai fronteggiando un evento minaccioso per la vita, sarai costretto a un più precoce assetto di meccanismi evolutivi mantenuti dal complesso dorso vagale(CDV). Questo ramo parasimpatico del nervo vago pone un brusco e grossolano freno al sistema nervoso simpatico promuovendo azioni difensive di immobilizzazione (https://www.ilvasodipandora.org/gli-effetti-della-minaccia-cronica/). In età adulta si possono manifestare sotto forma di dissociazione, depressione, affaticamento, ecc.
  • Per regolare il tuo SNA, è necessario attivare il ramo parasimpatico del nervo vago di più recente evoluzione chiamato complesso centro vagale (CVV), o anche sistema nervoso sociale. Questo ramo funge da freno altamente rifinito sull’attivazione simpatica e ha un effetto calmante e rassicurante.

Riferimenti

Autore/i dell'articolo

Dott.ssa Roberta Borzì

Dott.ssa Roberta Borzì

  • Componente del comitato scientifico della Onlus Il Vaso di Pandora, la Speranza dopo il Trauma.
  • Psicologa, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale.
  • Vanta esperienza clinica in ambito adulto, e si occupa prevalentemente di tutti i disturbi d’ansia, disturbo ossessivo-compulsivo, problematiche sessuali, disturbi di personalità con la Schema Therapy, in cui è formata attraverso training specifici e supervisione con esperti del settore. Ha anche conseguito entrambi i livelli della formazione in EMDR.
  • Socio Fondatore CBT-Italia – Società Italiana di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale.

Dott.ssa Antonella Montano

Dott.ssa Antonella Montano

  • Fondatrice e Presidente della Onlus Il Vaso di Pandora, la Speranza dopo il Trauma.
  • Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale
  • Fondatrice e Direttrice dell’Istituto A.T. Beck per la terapia cognitivo-comportamentale di Roma e Caserta
  • Fondatrice e Vicepresidente CBT-Italia – Società Italiana di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale
  • Certified Trainer/Consultant/Speaker/Supervisor dell’ACT (Academy of Cognitive Therapy)
  • MBSR teacher. Expert Yoga Trauma teacher certificata Yoga Alliance®-Italia/International
  • Membro dell’IACP (International Association of Cognitive Psychotherapy)
  • Membro dell’ESTD (European Society for Trauma and Dissociation)

Back To Top