vai al contenuto principale

Processi di vittimizzazione e ri-vittimizzazione in giovani omosessuali

  • News

I processi che si ipotizza possano contribuire agli elevati tassi di vittimizzazione da violenza delle minoranze sessuali  sono diretti e indiretti.

In primo luogo, attraverso un processo diretto di violenza verbale o fisica, i giovani, il cui orientamento sessuale minoritario è noto agli altri, possono essere bersaglio di abuso da parte di bambini, adolescenti, adulti, persino dagli stessi genitori. Questo abuso, causato dai pregiudizi eterosessisti e omofobici , va a rinforzare lo status più basso di gay e lesbiche.

Da uno studio svolto su un campione di giovani di orientamento sessuale minoritario, che avevano fatto coming out con le loro famiglie, i gay e le lesbiche riportavano percentuali significative di vittimizzazione da omofobia: il 28% riportava abusi verbali e il 5% attacchi fisici da parte della madre, mentre il 19% riportava abusi verbali e il 5% attacchi fisici da parte del padre; sono stati riferiti anche abusi da parte di fratelli e sorelle. Inoltre, Balsam et al. hanno evidenziato che i fratelli di gay e lesbiche erano più a rischio rispetto ai fratelli di eterosessuali di essere vittime di abusi.

In secondo luogo, attraverso un processo indiretto, l’orientamento sessuale minoritario può far sperimentare isolamento sociale o conflitti interni; questo può contribuire all’assunzione, da parte di omosessuali, di comportamenti a rischio come uso di alcool e droghe che possono, a loro volta, esporre a una ri-vittimizzazione da parte di bambini, adolescenti, adulti, fino anche dei genitori.

Riferimenti

  • Balsam, K.F., Rothblum, E.D., Beauchaine, T.P. Victimization over the life span: a comparison of lesbian, gay, bisexual, and heterosexual siblings. J Consult and Clinical Psych. 2005; 73(3): 477-487

 

  • Bryn Austin, S. Hee-Jin Ju, Benita Jackson, Donna Spiegelman, Janet Rich-Edwards, Heather L. Corliss, Rosalind J. Wright (2008). Disparities in Child Abuse Victimization in Lesbian, Bisexual, and Heterosexual Women in the Nurses’Health Study II. J Womens Health. 2008 May: 17(4): 597-606
Torna su